Shampoo anticaduta: ecco cosa scegliere e perché

Gli shampoo anticaduta rappresentano uno di quei prodotti utilissimi per poter prevenire o rallentare il diradamento dei capelli. Pur non essendo un prodotto che può arrestare la perdita dei capelli, sicuramente può contribuire a stabilizzare il problema, magari in abbinamento con un balsamo specifico, o con altri prodotti. L’utilizzo di uno shampoo anticaduta consente di mantenere il capello sano, idratato e protetto più a lungo. Si tratta di prodotti che consentono di poter apportare ai bulbi piliferi sostanze nutritive fondamentali per mantenerli sani. Uno shampoo anticaduta deve essere delicato, e principalmente composto da sostanze delicate, biologiche. Oltre a tutto questo non deve presentare al suo interno sostanze nocive, che irritano il cuoio capelluto e sfibrano i capelli.

Come agisce uno shampoo anticaduta

L’azione di uno shampoo anticaduta è molto semplice. Tende a proteggere i capelli da agenti esterni aggressivi, rafforza il bulbo e tiene idratato il cuoio capelluto senza irritarlo. Lo shampoo anticaduta è ideale per rafforzare anche i capelli fini o sfibrati, ridando il vigore naturale di una volta. Alcuni prodotto in commercio favoriscono, poi, il microcircolo del cuoio capelluto, migliorando l’ossigenazione ed evitando l’atrofia dell’apparato pilo-sebaceo. Con questa azione, quindi, si va a stimolare il ciclo vitale dei follicoli, andando ad invertire il processo di atrofizzazione del capello, che è poi alla base della caduta dello stesso. Uno shampoo anticaduta, poi, ha un’azione detergente delicata, rispetto ai prodotti generici che si trovano regolarmente in commercio e questo consente di poterlo utilizzare con maggiore frequenza.

Cosa deve avere uno shampoo anticaduta per essere considerato un buon prodotto

Quando acquistate uno shampoo anticaduta, sono diversi gli ingredienti da tenere in considerazione, sia in chiave positiva che negativa. Prima di tutto deve detergere in maniera delicata, come detto in precedenza, e questo si può verificare solo se al suo interno non presenza sostanze aggressive, come per esempio additivi. Questi sono causa, molto spesso, della caduta dei capelli, perché irritano il cuoio capelluto e attaccano il fusto indebolendolo. E’ molto importante che la formulazione rispetti il valore del pH e la costituzione del mantello idro-lipidico, senza indurre alterazioni o provocare irritazioni. E’ importante sottolineare che, qualsiasi shampoo, anche se delicato, deve essere comunque usato con moderazione, facendo attenzione a non eccedere nella quantità di prodotto.

Quale prodotto scegliere tra i tanti in commercio

Non è facile scegliere uno shampoo anticaduta, tra tutti i prodotti che sono presenti in commercio. La prima cosa da fare è individuare quello più adatto alle nostre esigenze, a seconda se presentiamo per esempio un eccesso di forfora, oppure un capello grasso, o ancora secco. Sul sito http://www.fitoplus. com è possibile trovare diversi prodotti che si adattano alle nostre esigenze. Tutti sono accomunati da una cosa, si tratta di prodotti naturali e biologici al 100%, tutti privi di DEA e SLS, ovvero sgrassanti troppo aggressivi, che eliminano anche il grasso naturale dei capelli, che li preserva da i danni quotidiani. Questi shampoo, non causano irritazioni dei follicoli piliferi, quindi, oltre ad avere diverse proprietà specifiche a seconda del prodotto che viene acquistato. Per esempio DHT Inhibiting Bio-Therapy Shampoo è l’unico shampoo che presenta al suo interno ben 11 inibitori della DHT. Oily Hair Shampoo (sebo), invece, è adatto per tutte quelle persone che presentano un cuoio capelluto grasso, e può essere utilizzato frequentemente visto che si tratta di un prodotto naturale.